A differenza di qualche tempo fa, quando veniamo invitati ad un matrimonio non necessariamente questo si tiene in chiesa. Alcune delle regole del buon gusto, in caso di un matrimonio in comune o celebrato in location alternative, sono altamente consigliate ma non tassative.

La questione è molto differente in caso di cerimonie come battesimi, comunioni o cresime, perché, imprimetevelo nella testa come un marchio a fuoco, si tengono sempre e comunque in Chiesa, quindi, in un luogo sacro.

E poco importa che ci crediate o meno, qui si tratta solo di rispettare le regole di una casa che non è la vostra.

Oggi, quindi, faremo un breve focus su come dovete vestirvi se invitati ad una di queste ricorrenze religiose.

Anche qui, e non ditemi che sono ripetitiva, la prima parola che dovete cominciare a ripetere come un mantra è: sobrietà. Ed a questa parola ne aggiungerei un’altra: rispetto. Per il luogo, l’abbiamo detto, per le famiglie e per i bambini. Perché si, se si tratta di comunioni o cresime il luogo sarà pieno di bambini che non vanno traumatizzati con le vostre cofane esagerate, e i look alla Al Capone dei poveri.

 

Donne

Richiamando la parolina magica, ovvero sobrietà, sceglieremo capi molto semplici ma curati.

Un abitino dai toni chiari o medi, con o senza la giacca, in base alla stagione, sarà perfetto. Come lo sarà un tailleur, anche se un po’ troppo formale. Bandiamo da occasioni come queste i colori scuri. Nero e viola sono assolutamente fuori luogo.

Evitiamo anche gli abiti da sera, non sono adatti a questo contesto in cui, ricordiamolo, i protagonisti sono i bambini. Ma sono vietati anche gli outfit stile “pic nic sul prato”.

Che sia estate o inverno, se indossate un abito, in chiesa vanno sempre portati i collant, è una questione di rispetto. Lo so, può essere molto faticoso in piena estate, ma la regola così vuole.

Al limite finita la cerimonia, una volta arrivati al ricevimento, in bagno li sfilerete.

Le scarpe in tinta con l’abito, non devono avere strass o applicazioni metallizzate. I tacchi, se ci sono, dai 3 ai massimo 7 cm. Evitate scarpe con tacchi vertiginosi o plateau.

Sembra folle doverlo ricordare, ma niente scollature, gonne corte o pantaloni attillati. Make up curato ma leggero, con una buona base e un trucco appena accennato: ripeto, è una funzione religiosa.

Pochi gioielli non appariscenti: con le perle farete sicuramente un ottima figura, non avrete necessità di indossare altro.

Mani curate, ma senza unghie in stile “Romina la tigre della Tiburtina”, soprattutto se dovete toccare il bambino. È orribile vedere quelle mani adunche e a volte volgari accanto al volto di un bambino.

Capelli curati, ma senza impalcature, costruzioni con fiori o strane forme architettoniche: una piega dal parrucchiere, o anche semplicemente i capelli piastrati se non volete andare dal parrucchiere andranno benissimo.

Se li avete molto lunghi, ancora meglio raccolti in una coda o uno chignon.

Uomini

In abito, semplicemente,  in blu sarete perfetti. La cravatta invece andrà bene chiara.

Le scarpe saranno linde, nere o blu, senza strane punte che guardano verso l’infinito, o colori bizzarri. Niente sneakers, ovviamente.

Capelli perfettamente tagliati, ben pettinati e barba assolutamente ben fatta.

 

Qualche regola di galateo

Sapersi comportare è sempre indice di maturità e signorilità, ma in un’occasione come questa lo è anche indice di civiltà.

Stiamo infatti parlando di cerimonie religiose, riti di passaggio importanti per chi ci crede, e che comunque, vanno rispettati anche da chi non ci crede ma decide comunque di partecipare.

Se non volete partecipare alla funziona religiosa non fatelo. Ma se decidete di farlo siate rispettosi. Arrivate puntuali, poiché normalmente ci sono più bambini da battezzare o cresimare, per cui saranno tante le persone che dovranno trovare posto.

Inoltre ricordate che le prima file sono riservate ai genitori, nonni, padrini e madrine.

Se non gradite partecipare alla cerimonia religiosa potete attendere fuori: al termine delle cerimonie tutti usciranno e in quell’occasione potrete porgere i vostri auguri. Nel caso del battesimo, evitate di baciare il bambino: sarà agitato e spaventato per la situazione anomala e la sequela di persone, a volte che a malapena conosce, che lo tocca e lo bacia non farà che scatenare ulteriore ansia. Limitatevi  a fargli un augurio con il cuore e salutate i genitori.

Negli altri due casi i bambini sono più grandi: valutate sempre se baciarli o meno in base al loro stato e al livello di confidenza che avete.

Altri temi “scottanti” quando si parla di occasioni come i battesimi, le comunioni o le cresime, riguardano gli outfit dei bambini, soprattutto quando si tratta di comunioni e cresime, la location,  il rinfresco e i regali.

Ma di questo parleremo nel prossimo post.

159 Total Views 3 Views Today

Inoltre vi consiglio di leggere...